“Cent’Anni in Musica” all’insegna della solidarietà: 17 dicembre

Povertà: a Milano l’evento “Cent’Anni in Musica” all’insegna della musica e della solidarietà per garantire cure e protezione ai senza dimora.

I valzer viennesi della famiglia Strauss sono stati la colonna sonora del Centenario di Opera Cardinal Ferrari che sta volgendo al termine. Un concerto, “Cent’anni in Musica”, diretto con grande passione dal direttore Alessandro Bonato e da tutta l’Orchestra de I Pomeriggi Musicali che è andato in scena al Conservatorio di Milano, venerdì 17 dicembre 2021.

Un evento condotto con sensibilità da una madrina d’eccezione, Manuela Ronchi da sempre attenta e sensibile ai diritti delle persone in condizione di fragilità. In apertura di serata un momento emozionante e ricco di significato. La Presidente del Centro Studi Grande Milano, Daniela Mainini, ha conferito a Opera il premio “Le Grandi Guglie della Grande Milano”. Nella motivazione si legge:

A quella casa del popolo da sempre luogo di speranza…A quel rifugio bombardato e risorto…A quella dimora milanese capace di leggere i bisogni…All’Opera Cardinal Ferrari, che da un secolo accoglie famiglie e bisognosi…Grazie al lavoro di tanti volenterosi che ai Carissimi dedicano ogni giorno attenzione, ascolto e amore, dando esempio di una Milano più grande”.

I Pomeriggi Musicali - Concerto CENT'ANNI IN MUSICA

Esiste, però, anche un’altra colonna sonora, quella che ha tenuto oltre trecento persone sedute per quasi due ore. Ed è la colonna sonora della solidarietà. Il ricavato dalla serata è stato destinato alla tutela della salute dei Carissimi. Tutti i fondi raccolti saranno utilizzati per le attività e i servizi di assistenza medica gratuita: visite generiche, ausili ortopedici, visite odontoiatriche e oculistiche. Perché la solidarietà non può che andare di pari passo con i diritti. Diritti, troppo frequentemente, negati. Il primo e inalienabile diritto per ciascun individuo è l’accesso alla salute e alle cure. Ed i senza dimora, gli invisibili delle nostre città, sono tra i più vulnerabili. Esclusi, di fatto, dall’accesso ai servizi di medicina generale e lasciati in un limbo.

Il concerto Cent’anni in Musica è stata anche un’occasione di inclusione. In sala, insieme alle Istituzioni, ai nostri sostenitori e volontari erano presenti anche gli ospiti della Residenza Trezzi (studenti fuori sede e giovani lavoratori), i nostri Sostenitori e i Carissimi.

Abbiamo fortemente voluto che il concerto fosse un’iniziativa di “nutrimento” anche per lo spirito. La nostra storia, lunga cent’anni, ci ha portato alla consapevolezza che anche per i più fragili, la vita non è fatta “solo” di bisogni primari da soddisfare, ma anche di desideri e sogni. Citiamo la frase del celebre compositore Zoltán Kodály: “La musica non è un privilegio per pochi, ma un bene per tutti” e venerdì 17 dicembre 2021 la musica è stata, davvero, un bene per tutti.

I fondi raccolti nel corso dell’evento andranno a finanziare i progetti di Opera Cardinal Ferrari per fornire assistenza medica gratuita e cure ai Carissimi seguiti in Opera.

Grazie a Manuela Ronchi imprenditrice e innovatrice nel mondo della comunicazione e CEO di Action Agency, a Daniela Mainini e Roberto Poli, Presidente e Direttore Generale del Centro Studi Grande Milano per aver reso “speciale” la serata. Grazie a Maurizio Salerno e a tutta l’Orchestra de I Pomeriggi Musicali che hanno accettato l’invito a tenere un concerto straordinario per Opera e grazie al Conservatorio di Milano che, con grande generosità, ha concesso l’utilizzo della Sala Verdi gratuitamente. Da cento anni, Opera Cardinal Ferrari è uno dei simboli della “Milano che aiuta”.  Opera è in grado di rispondere, però, a una lunga serie di bisogni grazie al sostegno di tante persone. I volontari, oltre duecento, al nostro fianco trecentosessantacinque giorni l’anno. I donatori, sempre pronti a rispondere alle richieste d’aiuto. Le Istituzioni, dal Comune di Milano a Regione Lombardia. Non solo soggetti erogatori, ma attori di una progettualità condivisa.  Alle aziende, senza le quali questo Centenario non si sarebbe potuto realizzare. Fondazione Bracco, da sempre impegnata in ambito sociale e attenta al territorio. Azimut Capital Management, Pirelli, Rotary Club Buccinasco San Biagio – Centenario, Cassa Lombarda.  

Oramai siamo quasi giunti alla fine del 2021 e in questi dodici mesi – durante le celebrazioni del Centenario di Opera – abbiamo guardato il passato, riflettuto sul presente per poi proiettarci nel nuovo secolo. Valorizzare questi primi cent’anni per noi di Opera significa mantenere il passo dello “stare nel mezzo della contemporaneità” con intelligenza e lungimiranza. Consapevoli che ci aspettano nuove sfide e fiduciosi che non saremo soli nell’affrontarle.

Un grazie di cuore, quindi, a tutti e a ciascuno.
Il vostro aiuto e supporto ci permette di continuare a offrire assistenza medica ai nostri Carissimi e alle famiglie in povertà.


Per ulteriori informazioni:

Ufficio Stampa Opera Cardinal Ferrari
Telefono: 02 8467411
Mail: ufficiostampa@operacardinalferrari.it

Restiamo in contatto

Iscriviti alla newsletter
per rimanere sempre aggiornato