La storia di Carmelo: la forza della rinascita

Le esperienze, i racconti, i protagonisti e gli eventi di dicembre di Opera Cardinal Ferrari

Un estratto dall’ultimo numero del Notiziario di Opera

Carmelo Capasso ha 78 anni ed è argentino di nascita ma ha sempre mantenuto anche la cittadinanza italiana grazie al fatto che i nonni erano italiani immigrati in argentina alla fine dell’800. È una persona solare, positiva ed è sempre disponibile a dare una mano.

Ma come è arrivato all’Opera? La sua storia è lunga e la sua venuta in Italia risale alla fine del 2018.

In Argentina faceva il taxista, con regolare licenza, era sposato con due figli. Dopo il divorzio dalla moglie e la profonda crisi in cui era entrata l’Argentina qualche anno fa, decide di mollare tutto e fare ritorno alla sua terra d’origine: l’Italia. I suoi due figli sono grandi ormai e uno è rimasto in Argentina mentre l’altro vive a Londra.

Lui si ritrova solo ed inizia da gennaio 2019 a frequentare il centro diurno dell’Opera Cardinal Ferrari. È sempre pronto a rendersi utile all’interno di Opera e il suo sorriso è sincero.

Di notte è stato ospite di vari dormitori a Milano e attualmente alloggia presso la comunità REMAR in Via Fleming che dà la possibilità di stare fino a novembre (momento in cui ha inizio il c.d. “piano freddo” che rende gratuita la permanenza notturna nei dormitori) al costo di 3 euro al giorno. Attualmente percepisce il reddito di emergenza, non può ancora richiedere il reddito di cittadinanza a causa della mancanza del requisito dei 2 anni consecutivi di residenza.

La storia di Carmelo è uno dei tanti contenuti dell’ultimo numero del Notiziario di Opera!

RICHIEDI LA TUA COPIA 

Carmelo Capasso, un Carissimo di Opera Cardinal Ferrari

Restiamo in contatto

Iscriviti alla newsletter
per rimanere sempre aggiornato