Non uno di meno.

Vaccinare gli “ultimi, gli “invisibili”: i senza fissa dimora, i clochard, tutte quelle persone in stato di fragilità. Ma che hanno diritto, come tutti, alle cure. Persone che non hanno voce, che non chiedono nulla, che spesso vivono nella solitudine e nell’emarginazione. “Invisibili”, non ricompresi in nessuna anagrafe e in nessun piano vaccinale. Soggetti doppiamente fragili, dal punto di vista sociale oltreché sanitario, cui va garantito il diritto fondamentale della Salute e l’accesso alle cure. Va garantito in primis a loro tutela, ma anche come strategia di salute pubblica.
Parliamo di oltre 55mila cittadini, persone senza dimora per le quali “stare a casa” non è opzione plausibile.Siamo consapevoli del momento delicato che il nostro Paese sta attraversando – afferma Pasquale Seddio, Presidente di Opera Cardinal Ferrari Onlus –  ma in linea con quanto definito dalla Circolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche, riteniamo urgente garantire la tutela dei diritti fondamentali di tutti i cittadini e di tutte le cittadine, anche e soprattutto di quelli che non hanno voce” .

Dall’inizio della pandemia Opera Cardinal Ferrari ha garantito 365 giorni all’anno accoglienza, cura e riparo. Abbiamo offerto oltre 36.000 pasti, ma abbiamo soprattutto dato un luogo sicuro e accogliente in cui trascorrere le giornate. 

#accoglienza #nonunodimeno #siamosullastessabarca

Restiamo in contatto

Iscriviti alla newsletter
per rimanere sempre aggiornato